Tutela Ambientale

Tesi di Sondrio

Vivere in un Parco: problemi e responsabilità.

Seminario su: i rapporti tra le aree protette e le popolazioni che vivono all'interno di esse.

In undici punti si traccia un percorso informativo ed educativo, con indicazioni logiche e funzionali alla gestione del territorio. Buon senso e capacità, maturate attraverso l’esperienza e il rispetto dei valori. Elementi fondanti le popolazioni locali, l’educazione permanente, la conoscenza ed il coinvolgimento dei giovani. Essenziali ingredienti: la scoperta, la condivisione e la partecipazione. L’attualità dei temi trattati e i contenuti formulati nel 1992 sono tali che le tesi potrebbero essere riproposte senza nessun cambiamento.

1. Il Parco è l'istituzione fondamentale a disposizione dei governi, ad ogni livello, locale, regionale, nazionale e internazionale, per sottoporre a protezione i valori natura-li, storici, culturali di particolare importanza presenti nei loro territori; è inoltre strumento privilegiato e straordina-rio di diffusione della coscienza e della cultura ambientale.

2. La presenza dei rappresentanti delle comunità locali in seno agli organismi di gestione è condizione essenziale per il raggiungimento degli obiettivi del Parco; garantisce inoltre la tutela dei diritti e dei doveri dei cittadini.

3. La ricerca scientifica, presupposto indispensabile per la conservazione delle risorse del Parco e il loro corret-to utilizzo, deve porre particolare attenzione ai problemi delle popolazioni locali, enfatizzandone la cultura e la sa-pienza tradizionale.

4. Il corretto uso del territorio del Parco, attuato con l'a-dozione di piani specifici predisposti sulla base dei cri-teri di zonazione, oltre ad assicurare una valida conservazione della natura, promuove lo sviluppo sociale ed econo-mico delle popolazioni locali.

5. Il raggiungimento degli obiettivi di ogni Parco è assicu-rato da una gestione autonoma attuata con metodolo-gie manageriali supportate da adeguate tecnologie.

6. Il valore del patrimonio naturalistico, ambientale, sto-rico del Parco viene riconosciuto ed apprezzato con un’appropriata informazione; pertanto il ruolo dell'educazio-ne, in particolare dei giovani, e di cruciale importanza per l'affermazione dei principi di conservazione.

7. Per diffondere e valorizzare l’idea di Parco bisogna uti-lizzare metodologie di comunicazione non solo prossi-me ed occasionali, ma di vasto respiro e permanenti.

8. Alla scuola è richiesto un forte impegno e contributo per la formazione nei giovani di una sicura coscienza ambientale, attuata con programmi specifici e attività sperimentali.

9. Gli organi di gestione di ogni Parco devono promuovere azioni di informazione e sensibilizzazione a livello loca-le, nazionale e internazionale, costituendo una rete di co-municazione ampia e comparata.

10. Devono essere stimolate la ricerca e la sperimentazio-ne di mezzi e strumenti di comunicazione da destinare alle scuole, alle comunità locali, alle organizzazioni ambientalistiche per contribuire alla diffusione dell’ideale conservazionistico.

11. Si devono promuovere e favorire incontri, colloqui. se-minari, stages per la formazione e l’aggiornamento del personale addetto alla gestione e alla sorveglianza dei par-chi privilegiando la forza lavoro giovanile presente nei comprensori dei Parchi.

Sondrio, 12 novembre 1992

| HOME | ORGANIZZAZIONE | ATTIVITA' | INIZIATIVE | DOCUMENTI | SIBILLINI | LINKS | SCRIVICI |